appunto: Commento per il «Poema per pianoforte e orchestra»