Istituto musicale “Luigi Boccherini”Lucca

piazza del Suffragio, 6
55100 Lucca
tel. 0583 464104; fax 0583 493725
info@boccherini.it

Storia

L'attuale Istituto superiore di studi musicali "Luigi Boccherini" ebbe origine il 14 agosto 1842, quando il duca Carlo Ludovico di Borbone emanò un decreto con il quale riordinava, in base ad un regolamento unitario, le scuole musicali pubbliche; nacque così l'Istituto musicale, la cui direzione venne affidata a Giovanni Pacini.
Nel 1872, dopo la morte di questo musicista, la scuola prese il suo nome divenendo Istituto "Giovanni Pacini" sotto la direzione di Fortunato Magi, che diresse in seguito anche il Liceo musicale "Benedetto Marcello" di Venezia. Nel settembre 1924, sotto la direzione di Gaetano Luporini, l'Istituto musicale ottenne il pareggiamento ai Conservatori di Stato; in occasione del secondo centenario della nascita di Luigi Boccherini – 19 febbraio 1943 – l'Istituto cambiò il nome assumendo quello del famoso musicista.
Nel 1999 l'Amministrazione comunale, trasformando la scuola in Istituzione del Comune di Lucca, ne ha di fatto avviato un processo di autonomia che si è concluso con l'adozione dello statuto ai sensi della legge 508/99 e del DPR 132/2003.
Attualmente l'Istituto fa parte del settore dell'Alta formazione artistica e musicale, insieme ai Conservatori, alle Accademie di Belle Arti, all'Accademia nazionale di Danza, all'Accademia nazionale di Arte drammatica e agli Istituti superiori per le industrie artistiche.
Gli ordinamenti didattico e statutario sono conformi alle direttive del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca scientifica.
L'Istituto rilascia diplomi accademici di primo e di secondo livello, equivalenti a lauree di I e di II livello. I settori di attività propri dell'Istituto sono la formazione musicale professionale, la produzione artistica e la ricerca musicologica. L'Istituto inoltre organizza una propria stagione di concerti, cicli di seminari e conferenze. È attivo anche nel campo della formazione musicale di base, sia con propri corsi di studio che attraverso collaborazioni con altre istituzioni.
La Biblioteca dell'Istituto musicale "L. Boccherini" di Lucca, dove si conserva un piccolo fondo di manoscritti pucciniani autografi, nasce il 19 giugno 1837 grazie a una decisione del duca di Lucca S. A. R. Carlo Lodovico, quale archivio musicale della Cappella di corte. Nella sua lunga storia si è arricchita, oltre che del materiale di uso corrente, di una non trascurabile quantità di manoscritti e stampe antiche di notevole valore, tanto che attualmente il suo patrimonio bibliografico ammonta a circa 21.000 unità ed è ripartito fra un nucleo centrale e quattro fondi antichi.

 

Archivio

Nell'archivio storico dell'Istituto vi sono numerosi documenti riguardanti il percorso di studi che Giacomo Puccini vi compì negli anni compresi fra il 1868 ed il 1880. Si tratta in particolare delle Statistiche classificate degli alunni iscritti dalle quali è possibile ricostruire il percorso didattico del musicista, degli opuscoli relativi ai "saggi di studi" nel corso dei quali vengono eseguite le sue prime composizioni come il motteto Plaudite populi e alcune parti della Messa a 4 voci, e infine degli opuscoli relativi alla premiazione degli allievi più meritevoli per un totale di 21 documenti.

Il Nucleo centrale della biblioteca è costituito da circa 16.000 volumi, è formato in massima parte da metodi, spartiti e partiture per uso didattico e per le esecuzioni concertistiche; in esso è inglobato il fondo Bonaccorsi, la biblioteca dell'illustre musicologo scomparso alla fine degli anni Settanta del Novecento, che con le sue 4.200 unità fra monografie, testi di storia della musica, dizionari e riviste musicali, rappresenta un ottimo supporto per il lavoro di ricerca degli studiosi.

Il fondo Bottini, appartenuto all'omonima famiglia nobile lucchese, fu donato dal marchese Antonio Bottini nel 1930. Consta di 248 volumi per un totale di 284 tomi rilegati e 4 cartelle di fascicoli sciolti. Il numero complessivo delle edizioni presenti è di circa 1.200 mentre le singole composizioni, quasi esclusivamente di genere profano, sono circa 2.300 e risalgono al secolo XVIII e ai primi decenni del secolo XIX. Nel fondo si conservano anche le composizioni di Marianna Andreozzi Motroni Bottini, accademica filarmonica di Bologna, che ebbe un ruolo determinante nella costituzione di questa importantissima raccolta.
Il fondo Puccini è costituito da 696 manoscritti, per la maggior parte autografi, che furono donati nel 1891da Giacomo Puccini junior alla biblioteca dell'Istituto musicale. Si tratta di una parte di quella che era stata la ricca biblioteca di famiglia, nella quale erano conservate le musiche composte da Giacomo senior (1712-1781), Antonio (1747-1832), Domenico (1772-1815) e Michele (1813-1864), compositori che erano stati ai vertici dell'organizzazione musicale cittadina, avendo ricoperto le cariche di maestro di cappella e di organista della Cattedrale. Il fondo contiene prevalentemente composizioni sacre destinate ai servizi liturgici delle diverse feste cittadine, le cantate profane che si eseguivano in occasione del rinnovo del senato della Repubblica di Lucca, e che sono conosciute con l'appellativo di tasche, ed un esiguo numero di composizioni cameristiche.
Fa parte della raccolta anche un gruppo di autografi di Giacomo Puccini junior, risalenti al periodo dei suoi studi milanesi (1880-1883), che rappresenta la quasi totalità di ciò che è rimasto dei lavori giovanili del grande compositore. Oltre alle musiche dei componenti la famiglia Puccini, nel fondo è presente una sezione di opere di altri autori, lucchesi e non.
Il fondo Musica Sacra, costituito nel 1837 per dotare la Cappella musicale lucchese di un suo archivio, contiene 895 pezzi in gran parte manoscritti risalenti ai secoli dal XVII al XIX ed è da considerarsi come nucleo iniziale della biblioteca dell'Istituto musicale "L. Boccherini"; vi si conservano manoscritti autografi dei musicisti lucchesi e pregevoli partiture a stampa spesso in prima edizione .
Il fondo Antico è stato costituito recentemente, come raccolta unitaria, riunendo i manoscritti e le stampe di particolare valore che erano compresi nel Nucleo centrale della biblioteca, alla quale erano pervenuti grazie a piccole donazioni; esso si compone di circa 750 titoli e per quanto riguarda la tipologia del materiale è costituito tanto di musiche sacre e in maggior numero, profane; si segnalano autografi di Luigi Boccherini, di Alfredo Catalani e rare edizioni a stampa .
In epoche più recenti sono pervenute alla Biblioteca altre due importanti raccolte donate dal professor Olinto Barbetti e dal maestro Enzo Borlenghi.

Consulta l'archivio

Complessi archivistici

Bibliografia

A. Damerini, L'Istituto Musicale "Giovanni Pacini" di Lucca, Firenze, Le Monnier, 1942.
I tesori della musica lucchese. Fondi storici nella biblioteca dell'Istituto musicale "L. Boccherini", a cura di G. Battelli.
Catalogo della mostra bibliografia e documentaria, Lucca, Pacini Fazzi, 1990.