ISTAMPIE: il portale dedicato alla musica del Piemonte

 

Pagina di ricerca del portale ISTAMPIE

Pagina di ricerca del portale ISTAMPIE

Elaborato e personalizzato sul software Collective-Access, il portale ISTAMPIE – Internet database sulla storia della musica in Piemonte – integra e collega le differenti base-dati utilizzate all’interno del Progetto CCFM.

Il portale trae il nome dall’estampie, un genere prevalentemente strumentale molto diffuso tra i secoli XIII e XIV eseguito spesso come danza con l’aggiunta di parole. Il più antico esempio di Estampie è la musica della celebre Kalenda Maya del trovatore Raimbaut de Vaqueiras che lo stesso udì suonare con la viella da due giullari francesi mentre era al seguito di Bonifacio I marchese di Monferrato.

Sezione di descrizione delle raccolte musicali

Sezione di descrizione delle raccolte musicali

Le basi di dati confluite in ISTAMPIE sono state curate da musicologi e storici della musica al servizio di progetti descrittivi e di campagne di ricerca musicologica condotte dell’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte e finanziate da Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT. Migrati da software differenti, elaborati e riuniti sopra appositi tracciati, i dati raccolti in Istampie comprendono:

  1. i record di inventariazione di materiale musicale prodotti attraverso il software regionale “Guarini Beni Librari” negli archivi e biblioteche piemontesi, in particolare i principali archivi religiosi;
  2. le schede catalografiche di materiale conservato nelle collezioni musicali di alcune biblioteche piemontesi, prodotte con il software SBN-Musica;
  3. le schede descrittive delle istituzioni che conservano raccolte di musica o che hanno, nel proprio patrimonio, documenti di interesse musicale. I dati quantitativi dei patrimoni, raccolti grazie ad una versione personalizzata del database del SIRe (Sistema Informatico della Regione Piemonte) sono stati implementati da schede descrittive delle singole raccolte;
  4. la digitalizzazione – curata da Bruno Raiteri – del catalogo “Editori di musica a Torino e in Piemonte” di Mario Dell’Ara;
  5. le schede iconografiche del progetto Images of Music.
Sezione iconografia musicale nei musei e nelle collezioni di Torino e Piemonte. Dipinto di Bernardino Licinio (pittore veneto, secondo quarto del XVI sec.) conservato a Vercelli presso il Civico Museo Francesco Borgogna

Sezione iconografia musicale: dipinto di Bernardino Licinio, Concerto  (secondo quarto del XVI sec.), Civico Museo Francesco Borgogna, Vercelli

Il portale, ad oggi in corso di revisione, è un sistema aperto che continua ad accogliere ed integrare i dati via via rilevati nel corso del tempo tra i vari progetti dell’Istituto.

Grazie al portale ISTAMPIE è possibile consultare le seguenti tipologie di dati:

  1. Oggetti: audiocassette, bobine, CD, ciclostili e fotocopie, dischi, libri a stampa, libri liturgico-musicali a stampa, libri liturgico-musicali manoscritti, libri manoscritti, musiche a stampa, musiche manoscritte, periodici musicali, strumenti musicali, testi per musica a stampa, testi per musica manoscritti;
  2. Persone: arrangiatori, artisti, autori, committenti, compositori, coreografi, curatori, dedicatari, stampatori, illustratori, impresari, interpreti, possessori, traduttori, ecc.;
  3. Enti: soggetti produttori (editori e società editrici), soggetti conservatori (accademie, archivi, associazioni, bande, biblioteche, case editoriali, conservatori, istituti, musei, pro-loco, società corali, S.O.M.S., teatri, ecc.);
    Bernardino Lanino, Putti musicanti in affresco staccato rintracciato tra le collezioni della Pinacoteca di Brera

    Bernardino Lanino, Putti musicanti (sec. XVI), Pinacoteca di Brera, Milano

  4. Documenti iconografici: dipinti, affreschi, sculture, stampe, miniature, disegni ed oggetti vari (vasellame, tarsi, vetri, ecc.);
  5. Titoli di stampe musicali ed editori di musica piemontesi (un repertorio di oltre ventimila opere di musica date alle stampe da soggetti piemontesi, con relative informazioni su autore, editore, anno di stampa, lasta o numero editoriale, organico);
  6. Titoli uniformi degli oggetti catalogati.

Molto forte è quindi il legame tra i documenti ed i dati rintracciabili in ISTAMPIE ed il nostro territorio.

Alma Natura, ave! di Cesare Saccaggi, conservato presso la Civica Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino.

Cesare Saccaggi, Alma Natura, ave! (1898), Civica Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino