Emilio Anzoletti

(1874 - 1951)

Biografia

Anzoletti con Ferruccio Busoni

Anzoletti con Ferruccio Busoni

Emilio Anzoletti (Bologna, 1874 - Bergamo, 1951) aveva iniziato gli studi universitari nella nativa Bologna per poi completarli al Politecnico di Charlottenburg (Berlino) a partire dal 1896. A Berlino conobbe Ferruccio Busoni, con il quale strinse una sincera e profonda amicizia, che durò fino alla scomparsa del compositore.
Dopo essersi laureato, diresse una piccola azienda a Varese. Nel 1918 sposò Luigia Benz e si trasferì a Bergamo, dove nacquero i tre figli – Maria Vittoria, Antonio e Ferruccio (quest'ultimo nato pochi mesi dopo la morte di Busoni) – e dove rimase, lavorando prima alle Fonderie e Officine bergamasche Benz e Spada, poi all'Italcementi. Il fratello maggiore di Emilio, il medico Augusto Anzoletti, fu il primo traduttore italiano di libretti delle opere di Busoni Die Brautwahl e Arlecchino, oder Die Fenster.

Archivio

Il patrimonio documentario comprende principalmente un importante carteggio tra Emilio Anzoletti e Ferruccio Busoni, costituito da 46 missive (fra lettere, biglietti e cartoline postali). Il Centro studi musicali "Ferruccio Busoni" di Empoli conserva tutte le lettere originali di Busoni ad Anzoletti, mentre delle lettere di Anzoletti a Busoni il Centro possiede le copie fotostatiche (gli originali appartengono alla Staatsbibliothek di Berlino).
Il fondo comprende anche materiale bibliografico inerente la figura di Busoni (raccolto da pubblicazioni italiane o estere coeve), il manoscritto originale di un'autobiografia dal 1866 al 1873, l'autografo manoscritto del testo del coro maschile del Concerto op. 39, libretti d'opera, programmi da concerto eseguiti da Busoni o in sua memoria, partiture e fotografie.

Consulta l'archivio

Complessi archivistici