Francesco Somma

(1817 - 1905)

Biografia

Nato a Cuggiono (Milano) nel 1817 Francesco Somma, collezionista e studioso di teatro, con l'intento di scrivere una storia completa del teatro milanese dalla fine del Cinquecento ai suoi giorni, raccolse una collezione di circa 3.000 libretti e testi per il teatro (databili dal XVI al XIX secolo, fra i quali i libretti di Felice Romani), varie pubblicazioni sui teatri musicali e la loro storia, sulla coreografia, sulla drammaturgia e sulla scenografia, nonché una ricca documentazione relativa ai teatri di Milano: il Ducale, la Scala, la Canobbiama, il Carcano, il Re e il Teatro Santa Radegonda.
Nel 1905, per disposizione testamentaria, lasciò alla Biblioteca del Conservatorio di musica di Milano, dove morì nel 1905, la sua collezione costituita da circa 6.000 unità.

Archivio

Il legato Somma  comprende numerose opere a stampa relative ai teatri musicali e alla loro storia, alla coreografia, ai balli, alla drammaturgia, alla scenografia, nonché manoscritti, riguardanti soprattutto i teatri di Milano (specialmente quelli Ducale e della Scala) stesi dal donatore con l'intento di scrivere una storia completa del teatro milanese a partire dalla fine del Cinquecento. Particolarmente interessante è la raccolta quasi completa dei libretti delle opere scritte appositamente per i teatri milanesi Ducale, alla Scala, Canobbiana, Carcano, Re, Santa Radegonda a partire dalla loro fondazione; notevoli sono inoltre la collezione dei libretti di Felice Romani e una raccolta di circa 3.000 altri libretti dal XVI al XIX secolo.
Tra i volumi figurano diversi titoli importanti tra i quali: Daniele Concina, De' teatri moderni contrari alla professione cristiana (Roma, presso gli eredi Barbiellini mercanti di libri, 1755); Giambattista Castiglione, Sentimento di san Carlo Borromeo intorno agli spettacoli(Bergamo, appresso Lancellotti, 1759); Carlo Gozzi, Memorie inutili (Venezia, Stamperia Palese, 1797) e Opere edite e inedite (Venezia, Giacomo Zanardi, 1802); Carlo Goldoni, Memorie per l'istoria della sua vita e del suo teatro (Prato, Tipografia fratelli Giacchetti, 1822); Almanacchi del Teatro alla Scala (1812-1832) e di altri teatri milanesi; «Strenna teatrale europea» (1839-1848).
I manoscritti del Somma includono fra l'altro: un volume di notizie storiche sul "Nuovo regio ducale teatro di Milano detto in seguito alla Scala (dal 1776 al 1800)"; un manoscritto con notizie di "Cantanti, maestri di musica, poeti, suonatori"; un volume con le "Rappresentazioni di musica dal 1599 al 1778, maestri di musica, poeti, cantanti, coreografi dei teatri Ducale e Interinale di Milano"; un volume con le "Rappresentazioni in musica della inaugurazione 3 agosto 1778 a tutto il 1878 del teatro alla Scala (con cenni biografici dei cantanti)"; una cartella con notizie sui teatri milanesi di S. Antonio, S. Radegonda e S. Salvatore; una cartella con copie manoscritte di "Diverse tragedie, egloghe, sacre rappresentazioni ecc., rappresentate in Milano dal 1548 al 1771"; una cartella con cantate e inni scritti appositamente per il Teatro alla Scala e altro materiale come "Le iscrizioni lapidarie nei cimiteri di Milano dalla loro origine all'anno 1845 relative a musicisti e copie tratte da manoscritti degli archivi milanesi e delle biblioteche Ambrosiana e Braidense".

Consulta l'archivio

Complessi archivistici