Giuseppe (Nuccio) Fiorda

(1894 - 1975)

Biografia

Giuseppe Fiorda

Giuseppe Fiorda

Giuseppe (Nuccio) Fiorda (Civitanova del Sannio, Isernia, 17 febbraio 1894 - Roma, 14 dicembre 1975) intraprende gli studi musicali sotto la guida di Camillo De Nardis a Napoli e Amilcare Zanella a Pesaro. Si trasferisce a Roma nel 1918, divenendo allievo di Ottorino Respighi. Nel 1919 si diploma in composizione presso l'Accademia Filarmonica di Bologna, divenendo assistente di Bernardino Molinari all'Augustea di Roma. Nel luglio 1920 viene assunto da Arturo Toscanini come maestro sostituto e con lui prende parte alla tournèe del 1920-1921 in Canada e Stati Uniti. In seguito raccoglie i suoi ricordi toscaniniani in due libri. Fino al 1923 svolge l'incarico di Maestro sostituto con Toscanini, poi si dedica alla direzione di orchestre ad organico sinfonico in cinematografi e teatri romani. È sua la prima colonna sonora incisa in Italia, quella per il cortometraggio L'Orologio magico del 1929. Nel 1930-1931 collabora come riduttore e trascrittore con la casa musicale Sonzogno di Milano. Con l'invenzione del cinema sonoro si dedica prevalentemente alla composizione di musica da film. Nel 1939 ha l'incarico di dirigere le manifestazioni artistiche italiane all'Esposizione mondiale di New York. Negli anni Quaranta fonda a suo nome anche una casa di edizioni musicali. Intorno al 1960, conclusa l'attività musicale per il cinema, riprende a occuparsi della composizione "pura". Muore a Roma il 14 dicembre 1975 e viene seppellito nel cimitero di Civitanova del Sannio.

Archivio

L'archivio di Giuseppe Fiorda è diviso in due fondi:

- la raccolta Nuccio Fiorda, dono della casa editrice Sonzogno di Piero Ostali, conservata presso l'Accademia musicale "Nuccio Fiorda" di Campobasso. La raccolta si compone di partiture, spartiti, libretti. In particolare di composizioni di Nuccio Fiorda tra cui Partita per 3 voci soliste (soprano, tenore, baritono) e grande orchestra, su testi futuristi con segni di esecuzione e modifiche apportate; Estasi per coro e orchestra sul Cantico di Frate Sole di S. Francesco d'Assisi; I prigionieri e l'amore opera in una sinfonia di guerra, 2 parti e 5 quadri per voce recitante, solisti, coro, percussioni e arpa; testo drammatico di Nuccio Fiorda da I Prigionieri di Filippo Tommaso Martinetti; La legende du dieu Pan, azione coreografica di Emilio Mucci per flauto basso o in do, ottavino e piccola orchestra. Sono conservate anche 2 pubblicazioni su Arturo Toscanini;

- il fondo Nuccio Fiorda donato nel 1991 dai nipoti del musicista Pasquale e Giacinto Petitti al Conservatorio di musica "L. Perosi" di Campobasso. Il patrimonio documentario comprende 80 manoscritti. 168 edizioni, 4 numeri di periodico, 9 nastri magnetici, 5 fotografie, 12 quadri, carteggio.

Consulta l'archivio

Complessi archivistici

Oggetti digitali

Ritratto di Nuccio Fiorda con dedica autografa al fratello Domenico, sec. XX prima meta' (Conservatorio di musica Lorenzo Perosi, Fondo Nuccio Fiorda) Copertina della partitura di Cuore e roulette di Dino Rulli, con strumentazione di Nuccio Fiorda, Edizione Fratelli Franchi, Casa della Canzone, Roma 1925 (Conservatorio di musica Lorenzo Perosi, Fondo Nuccio Fiorda)